Ancora sul femminismo

Resta fermo il diritto (e il dovere) della donna di pretendere il rispetto in ogni campo. Su questo donne e uomini non debbono mai lasciar passare, ma, puntigliosamente, rivendicare la giustezza della buona battaglia che non deve scadere in forme estreme di sindacalizzazione che spesso sfociano in atteggiamenti incongrui e grotteschi. Genitore 1 e genitore 2 sono l’esito comico di questa ossessione per la cosiddetta parità che viene giustificata dalla tutela dei genitori omosessuali i quali, anche loro, si dividono in maschio e femmina. E poi chi sarà il genitore 1? Chi dovrà rassegnarsi ad essere il numero 2?

Avvocato o avvocatessa; presidente o presidentessa; deputato o deputata? Io dico come quel comico televisivo: «Me ne fotto». Dicono anche le femministe che l’approccio è molesto se così lo percepisce la donna. Tutte le occasioni sono buone per celebrare le donne come divine multitasking. Preparano la colazione, portano i bambini, lavorano in ufficio, accudiscono i genitori, etc. etc. etc. Mentre il maschio abulico, sdraiato sul divano a vedere le partite, indolente e scorbutico dirotta i figli dalla mamma.

All’esaltazione acritica delle donne risponde il giudizio severo sull’uomo che non è più visto come l’altra metà dell’essere umano, ma solo come controparte egoista in una società che si regge solo sulla generosità della donna.

Così si spiega l’esplicito svilimento della «funzione riproduttiva» della donna.

Così si spiega l’esplicito svilimento della “funzione riproduttiva” della donna, che viene vista come un fastidio; con ciò negando ontologicamente l’essenza stessa della donna. “L’angelo del focolare” viene usato sarcasticamente contro la donna nella sua superficialità.

Contribuire all’educazione alla mitezza, al rispetto a chi è debole o diverso, questo è il dovere di ogni educatore. Ma le battaglie femministe vanno in direzione contraria, rischiando di suscitare reazioni violente nei maschi più confusi e disorientati. Metto la minigonna, indosso il monokini, sto fuori tutta la notte. Se ho cinquant’anni mi prendo un giovanotto di venti, che male c’è? la donna, se non è schiavizzata, ha il diritto di prostituirsi: ma il maschio che la incontra deve essere sanzionato.

La verità distorta genera una legislazione disancorata dalla realtà. Uccidere una femmina è più grave che uccidere un uomo. Una quattordicenne che seduce un diciottenne ha comunque subito una violenza? Se un cinquantenne sta con una ventenne è il solito maschio che usa il suo potere per assicurarsi un trofeo. Se una cinquantenne sta con un giovane invece, è segno che vuole vivere appieno la sua femminilità. Con tutti i difetti che si possono attribuire ai maschi, non hanno diritto anche loro a vivere la loro mascolinità? E si può dire che in questo sono meno autocelebrative le donne, visto che non sbandierano continuamente che i lavori più pesanti o rischiosi o usuranti o la guerra sono affrontati più che altro da loro? Le femministe ci chiamano maschi e non uomini. Noi invece le chiamiamo donne. Donna dal latino “domina”.

Essere sindacalizzata verso una controparte che non c’è potrà incrementare qualche quota rosa ma non porterà nulla alla concezione della femmina, nobilitata dal nome di donna, di madre, di figlia, di madonna alla quale l’uomo è devoto.

Insomma, il femminismo ha senso solo verso i bruti.

2 pensieri riguardo “Ancora sul femminismo

  1. Beh, gradevole e a tratti veramente forte. Il maschilista in qualche borgo sperduto di montagna, il giudizio Severo sull’ uomo egoista parcheggiato sul divano in una società che si regge unicamente sulla generosità della donna. E poi una inspiegabile sterilità. Anche se il richiamo alla dignità della donna, che deve esserci nella società, non più come una fastidiosa ma necessaria ” appendicite” ma con il suo genio femminile, rimasto nell’ oscurità, e per questo, per i più sensibili suoi ammiratori sinceri, ancora più affascinante. Già perché, almeno in Italia, alla moda verbale e verbosa dell’ esaltazione del femminismo, che ben poco ha a che vedere con una severa e sacra femminilità, non corrisponde che un celato è scontato disprezzo della donna che corre sottotraccia. Alla fine la società è cosa non solo da ( che corrisponderebbe a una assunzione virile di responsabilità), ma tra ( il che ha sapore di grettezza tribale) uomini. È vero che la contrapposizione, in realtà, non esiste, che su questa terra ( sotto certi aspetti persino fortunatamente!). Vive la difference! Tuttavia una donna può essere virile ( Santa Caterina da Siena, o Maria e Maria Maddalena sotto la croce) e, per esempio, un grande e virile poeta, avere una sensibilità femminile, senza che nessuno dei due ci perda. Anzi. Come quella matrona romana, conosciuta in quanto moglie di un riluttante Aulo Peto, che, condannato a morte da un Imperatore, non aveva il coraggio di farla finita da sé, prese il pugnale, se lo infilò nel cuore e passando lo al marito gli disse:” Pete, non dolet” non avere paura, non fa male…

    Mi piace

  2. A Proposito dei collaboratori dell’ autore
    Nel libro del Siracide, un sapiente raccolse, le sue riflessioni, i suoi consigli, i suoi canti, probabilmente attorno al 190-180 a.C.
    Un nipote di questo sapiente nel 138 a.C. , tradusse in greco, come si narra nel prologo apposto al volume, l’ opera del nonno, così da offrire questi insegnamenti a una cerchia più ampia di lettori e di discepoli. La storia Grazie a Adamo Musicco junior, che offre il suo aiuto al nonno, e a Giovanni Manzari, che ha offerto il suo aiuto allo zio, si rinnova, sempreverde. Un abbraccio a tutti

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...